TicinoEnergia News

In data 11 luglio 2018 (e pubblicata il 13.07) è stata approvata la modifica del Decreto esecutivo che regola le condizioni e le modalità per la concessione di contributi per la mobilità aziendale del 15 marzo 2016. Nell’ambito di questa modifica è stata portata particolare attenzione alla mobilità lenta e così come è stata inserita una novità assoluta: il riconoscimento dell’avviamento del contratto di leasing dei veicoli.

A due anni dal varo del Decreto esecutivo sono stati avviati gli studi sulla gestione della mobilità in tutti i comparti aziendali strategici del Cantone, coprendo la totalità del fondovalle produttivo. Le modifiche sono state presentate durante il secondo convegno sulla mobilità aziendale del 14 gennaio 2019.

Viste le potenzialità dei risultati attesi, per favorire l’attrattiva delle realizzazioni e coinvolgere il maggior numero di aziende possibili, il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento del territorio, ha modificato il Decreto esecutivo per accedere ai contributi. La fase di studio, che ha fornito i dati relativi ai movimenti dei lavoratori e alle loro abitudini di spostamento, ha consentito di testare diverse misure pilota: navette aziendali, car-pooling, bike-sharing aziendale e, in certi casi anche modifiche dell’orario o del tracciato del trasporto pubblico su gomma.

Di seguito le principali novità implementate:

- viene snellita la procedura: sul modulo ufficiale di richiesta di contributo (scaricabile al sito internet www.ti.ch/mobilita-aziendale) non deve più essere allegato un Piano di mobilità aziendale, ma solo le indicazioni fondamentali relative alle misure, segnatamente il numero di viaggi annui in auto che non verranno più realizzati;

- ogni singolo beneficiario (ad esempio un’azienda) potrà ricevere, cumulativamente, un importo massimo di 100'000 fr.;

- aumentano  in modo fortemente tangibile, conformemente all’impulso dato dal DT alla ciclabilità, i contributi a favore della mobilità lenta:
1. realizzazione di posti bici e pensiline (500 fr. a posto bici coperto; 1'000 fr. box chiusi)
2. acquisto bici (50% max della spesa, fino a  500 fr. per biciclette convenzionali e 1’500 fr. per biciclette elettriche)

- navette aziendali: per l’avviamento del servizio vengono riconosciuti 40  fr./dipendente

- car-pooling: per l’avviamento del servizio vengono riconosciuti  10 fr./dipendente

- acquisto veicoli: contributi pari al 20% fino a un massimo di fr. 8'000 per auto con 9 posti a sedere, compreso il conducente; fino a un massimo di fr. 10'000 per furgoncini con più di 9 posti a sedere; contributi pari al 40% fino a un massimo di 100'000 fr. per autobus

- per il telelavoro, i sistemi di videoconferenza e le infrastrutture del primo e ultimo km vengono concessi contributi fino ad un massimo del 50%.

Novità assoluta e particolarmente attrattiva per le aziende e per i comparti è il riconoscimento delle spese per l’avviamento di contratti di leasing per veicoli nuovi:

- automobili con esattamente 9 posti a sedere, compreso quello del conducente (classe M1 fino a 3,50 t): fr. 4’000.– (importo forfetario);

- furgoncini con oltre 9 posti a sedere, compreso quello del conducente (classe M2 fino a 3,50 t): fr. 5’000.– (importo forfetario);

- autobus (classe M2 oltre 3,50 t o M3) : fr. 25’000.– per autobus con 38 posti a sedere al massimo, compreso quello del conducente, risp. fr. 50’000.– per autobus con oltre 38 posti a sedere, compreso quello del conducente (importi forfetari).

Si ricorda che l’ottenimento dei contributi è subordinato al rispetto delle seguenti condizioni:

a) la misura deve essere preventivamente approvata dalla Sezione della mobilità (non sono erogabili contributi per misure già realizzate)

b) i contributi sono versati unicamente per acquisti o prestazioni presso imprese o rivenditori con domicilio o sede in Svizzera.

 

Ciascun comparto e ciascuna azienda potranno dunque adottare la migliore soluzione per la mobilità dei propri dipendenti, a seconda delle zone di provenienza e dei turni di lavoro di questi ultimi. Non saranno escluse le aziende che intendono sviluppare soluzioni in autonomia, anche in assenza di Piano di mobilità aziendale, previa dimostrazione dell’efficacia delle misure proposte.

Più informazioni sul convegno cantonale sulla mobilità aziendale

Decreto esecutivo concernete la concessione di contributi per la mobilità aziendale

Moduli per la richiesta dei contributi

 

 

 

ProKilowatt è un programma di incentivazione dell’Ufficio federale dell’energia che sostiene i progetti e programmi che riducono il consumo di energia elettrica. Vengono promossi principalmente le sostituzione degli impianti nei seguenti settori: illuminazione, freddo, ventilazione, pompe, motori, impianti industriali, centri di calcolo, trasformatori, ecc.

Il termine per la presentazione dei progetti è fissato all’8 febbraio 2019. Le richieste di contributi possono essere presentate dal proprietario stesso dell'impianto o da parte di terzi su www.prokw.ch e ricevere così un contributo di incentivazione pari al 30% dei costi di investimento sostenuti.

Nel caso doveste mancare questo appuntamento, nel mese di giugno 2019 sarà lanciato un secondo turno di gara per i progetti. Il termine per la presentazione dei programmi è fissato invece al 3 maggio 2019.

Più informazioni

Le aziende innovative attente al risparmio energetico e alla difesa dell'ambiente possono richiedere un contributo alla Fondazione Svizzera per il Clima a partire dal 1° marzo.

Due volte all'anno la Fondazione Svizzera per il Clima destina contributi significativi (fino a 200’000 CHF) alle PMI che sviluppano e commercializzano prodotti rispettosi dell’ambiente. Anche le aziende che eseguono interventi in ambito energetico, ad esempio risanando il tetto della propria sede, possono ricevere un contributo, riducendo in questo modo gli onerosi investimenti iniziali.

Più informazioni

Ai microfoni di Rete 1 è andata in onda un'intervista a Milton Generelli in diretta da Biosphera Equilibrium ad Airolo

 

Ascolta l'intervista

 

2 Biosphera concorso

Nel 2017 il popolo svizzero ha approvato la Strategia energetica 2050 del Consiglio federale scegliendo di non sostituire le centrali nucleari alla fine del loro ciclo di vita e di puntare sull’efficienza energetica, sul potenziamento dell'energia idroelettrica e sullo sviluppo delle nuove energie rinnovabili, oltre che sul ruolo esemplare che gli enti pubblici sono chiamati ad assumere nell’applicazione di provvedimenti legati a queste tematiche.

Il Cantone Ticino si è attivato da tempo su questo fronte, sia a livello normativo sia attraverso vari tipi di incentivazioni, con misure che fanno da stimolo alle azioni e ai provvedimenti comunali. In quest’ottica, il Piano energetico cantonale (PEC) presenta una politica energetica cantonale che deve essere in grado di integrare e coordinare obiettivi di sviluppo economico e sociale con obiettivi di politica ambientale e climatica. Il fine ultimo è una politica energetica coordinata e dinamica in grado di affrontare le sfide poste dalle esigenze attuali e future attraverso proposte volte a diminuire i consumi e le emissioni di CO2 e a diversificare la produzione e l’approvvigionamento, considerando nel contempo gli interessi economici legati al settore energetico, sia a livello di investimenti per la produzione indigena e la copertura del fabbisogno, sia a livello di costi per il consumatore finale. Il PEC è uno strumento flessibile che è stato condiviso dagli enti interessati e dagli attori principali della politica energetica cantonale.

Per maggiori informazioni:

www.ti.ch/pec

www.ti.ch/incentivi

www.ti.ch/fer

www.ticinoenergia.ch

Approfondimenti

Consulenza orientativa
Consulenza orientativa gratuita

È un privato? Un'azienda? Contatti senza impegno TicinoEnergia per una prima consulenza gratuita a 360° sul tema dell’energia.

Incentivi

Gli incentivi relativi al risanamento degli edifici, alle energie rinnovabili e all'efficienza energetica sono disponibili a livello federale, cantonale e comunale. Anche alcune aziende elettriche e altri enti o associazioni danno incentivi per l'attuazione di provvedimenti in questo contesto.


Minergie®

L’Agenzia Minergie® della Svizzera italiana e il Centro di certificazione Minergie® del Canton Ticino hanno sede presso l’Associazione TicinoEnergia.

Leggi tutto

CECE®

La Centrale operativa CECE® della Svizzera italiana ha sede presso l’Associazione TicinoEnergia.

Leggi tutto

Ultime News

Giovedì 17 Gennaio 2019

Modifiche Decreto esecutivo concernente la concessione di contributi per la mobi…

In data 11 luglio 2018 (e pubblicata il 13.07) è stata approvata la modifica del Decreto esecutivo che regola le condizioni e le modalità per la concessione di contributi per...

Leggi tutto

Giovedì 10 Gennaio 2019

Si avvicina il termine per la presentazione di progetti ProKilowatt

ProKilowatt è un programma di incentivazione dell’Ufficio federale dell’energia che sostiene i progetti e programmi che riducono il consumo di energia elettrica. Vengono promossi principalmente le sostituzione degli impianti nei...

Leggi tutto

Giovedì 10 Gennaio 2019

Fondazione Svizzera per il Clima - Ricevere denaro a sostegno dei progetti a dif…

Le aziende innovative attente al risparmio energetico e alla difesa dell'ambiente possono richiedere un contributo alla Fondazione Svizzera per il Clima a partire dal 1° marzo. Due volte all'anno la Fondazione...

Leggi tutto

Prossimi Eventi

Mercoledì, 23 Gennaio 2019
Illuminazione pubblica efficiente
Domenica, 14 Aprile 2019
slowUp